Mostra Poesia dell’Immagine Introduzione

Cartellone Poesia dell'immagine15 artisti le loro opere. Sfida e contaminazione con la poesia e le parole….ma….anche con la musica.
La potenza dell’immagine sta nella straordinaria capacità di far comprendere qualcosa senza doverla spiegare; in maniera sintetica essa apre le porte di un intero mondo.
La poesia, attraverso la rappresentazione, che ancor più della parola può considerarsi la sua vera materia, riesce ad evocare, nella mente di chi la legge, in maniera immediata una forma più o meno definita e….quest’ultima, a sua volta, grazie alle associazioni che in ciascuno sorgeranno spontanee, rivelerà al soggetto qualcosa di se stesso.
La poesia, dunque, in virtù della sua forza evocativa, che porta alla formazione di immagini, possiede una preziosa funzione conoscitiva, funzione che la parola di per sé non ha. Soltanto la parola poetica, come l’arte in generale, è infatti “creatrice di immagini”.
Questa funzione veritativa, dunque, la poesia la condivide ampiamente con l’arte figurativa, entrambe hanno la grande facoltà di restituirci l’immediatezza di una percezione reale, di evocare emozioni impensabili, inaspettate, passando attraverso l’uso razionale della parola e dei colori. Tanto la poesia quanto l’arte sono capaci di schiudere significati impigliati nella trama della nostra coscienza.
La magia della poesia e dell’arte sta nel modo di guardare le cose, ma anche nella capacità di comunicare un modo di essere ed emozionare.
Entrambe hanno bisogno della dimensione delle emozioni dunque e di attingere ad esse per creare. Come fa il poeta quando scrive una poesia o il pittore quando dipinge un quadro.
Al mondo dell’autore si somma e si sovrappone quello del fruitore, che potrà vedere l’impronta della propria irripetibile individualità nelle specifiche emozioni che l’opera d’arte e/o la poesia fanno nascere in lui tramite l’immagine.
Il miracolo dell’immagine, sia nella poesia sia nell’arte figurativa, consiste nel dare forma a ciò che per definizione è senza forma; l’arte riesce a cogliere pienamente tutte le potenzialità di questo prodigioso fenomeno che si ripete da millenni, che forse è nato con l’uomo o, meglio, con la sua capacità di provare emozioni.
L’immagine riesce a creare legami laddove la semplice parola potrebbe generare divisioni.
Centrato dunque non solo il titolo di questa mostra ma la sfida che questi artisti hanno accettato. Già da domani pomeriggio potrete assistere al connubio fra queste due forme d’arte.
Ogni artista verrà presentato da me attraverso le emozioni che ognuno di loro ha trasmesso ai miei sensi tutti. Sarà una critica emozionale e sensoriale con solo qualche accenno tecnico, ma solo se necessario.
Ma non solo ognuno di loro ha scelto e abbinato alle proprie opere frasi o poesie che verranno lette di volta in volta prima di soffermarci sulle opere di ognuno di loro.